Autore Topic: E questa dove la colloco. Minerva si... Omas...  (Letto 363 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
E questa dove la colloco. Minerva si... Omas...
« il: Dicembre 13, 2021, 11:53:13 am »
L'avevo mostrata di sfuggita un po' di tempo fa ma mai con la dovuta attenzione (o almeno non che io ricordi) benché le fotografie fossero pronte da tempo e mai pubblicate a causa dei numerosi impegni.

Comunque sia eccola qui

Minerva lo è senza alcun dubbio... Omas, decidete voi. Io la mia idea me la sono già fatta da tempo.

:set2010002:



Online fabbale

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Karma: +2/-0
  • Sesso: Maschio
  • Don't worry be happy !!!
Re:E questa dove la colloco. Minerva si... Omas...
« Risposta #1 il: Dicembre 14, 2021, 08:50:02 am »
Bellissima la scritta SAFETI

 :set2010028:

Offline greciacret

  • Jr. Member
  • **
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re:E questa dove la colloco. Minerva si... Omas...
« Risposta #2 il: Dicembre 14, 2021, 14:34:52 pm »
Forse faccio una domanda ingenua, ma perché dovrebbe essere una OMAS?  MINERVA è il nome di un modello o di una sottomarca dell'OMAS?

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Karma: +3/-0
  • Sesso: Maschio
Re:E questa dove la colloco. Minerva si... Omas...
« Risposta #3 il: Dicembre 14, 2021, 16:19:00 pm »
Provo a risponderti.
MINERVA che tutti conosciamo come secondo marchio della OMAS, è stato in effetti depositato da Armando Simoni nel 1934.
Ora, nel 1934 la stilografica aveva subito importanti evoluzioni, sia nella tecnica che nei materiali: la stessa OMAS produceva già da anni il modello EXTRA in celluloide, sia a sezione rotonda che sfaccettata, e da lì ad un paio di anni avrebbe introdotto la Lucens, che secondo gli ultimi dettami era priva di serbatoio interno ed utilizzava lo stesso corpo in celluloide semitrasparente per immagazzinare l'inchiostro e renderne visibile il livello.
Appare pertanto piuttosto improbabile che la casa bolognese abbia utilizzato il nuovo marchio per una tipologia di penne ormai superate(*).
Viene quindi logico supporre che prima del 1934 il marchio MINERVA sia stato utilizzato da un soggetto diverso e sia stato impresso su penne che nulla avevano a che fare con Armando Simoni, anche se è difficile allo stato di conoscenze attuali attribuire una paternità a questa produzione.
(*) In effetti la produzione delle penne rientranti o safety si è protratta addirittura sino all'inizio degli anni '40, ma si trattava essenzialmente di penne con rivestimenti laminati oro molto appariscenti: oggetti che trascendevano la funzione di strumenti da scrittura per proposi come complementi di lusso da ostentare e, conseguentemente, regali di prestigio e di rappresentanza.

Offline greciacret

  • Jr. Member
  • **
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re:E questa dove la colloco. Minerva si... Omas...
« Risposta #4 il: Dicembre 14, 2021, 23:37:28 pm »
Provo a risponderti.
MINERVA che tutti conosciamo come secondo marchio della OMAS, è stato in effetti depositato da Armando Simoni nel 1934.
...

Grazie mille per la risposta. Ora capisco le ragioni del dubbio che si pone turin-Pens

Tags:
 

       
Twittear