Autore Topic: OMAS, a pieno titolo  (Letto 6117 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9104
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #15 il: Ottobre 11, 2012, 12:24:26 pm »

......Non commettiamo sempre lo stesso errore, ovvero siccome a me non piace, allora non vale nulla. Al di la del gusto personale, tutti noi dovremmo essere abbastanza onesti dal riconoscere costantemente il valore storico, tecnico e culturale che una penna possiede.
Sempre altrettanto onestamente, bisognerebbe dire che si la penna vale xxxx ma io al massimo spenderei xx, è giusto ed è di una onestà intellettuale disarmante.

Tutto verissimo, però per condizionare le scelte della gente, anche i più abili "creatori di bisogni" hanno la necessità di almeno alcune condizioni di base: se lo I-phone5 non avesse prestazioni almeno in linea con quelle dei prodotti concorrenti è ben difficile che potrebbe imporsi nelle vendite. Allo stesso modo, riferendosi agli oggetti d'epoca ed in particolare alle panne, una stilografica per essere mitizzata a mio parere ha la necessità di avere una di queste due condizioni:
- essere bella;
- essere rara.
Azzeccatissimo l'esempio di Omas e The King; trattasi in entrambi casi comunque di belle penne (ed anche abbastanza rare). L'aurea creata sul marchio bolognese fa sì che alla Omas sia riconosciuto un valore maggiore.
Analogamente una rientrante in ebanite nera nuda The King vale assai di più che un'analoga Waterman 42, che nessuno vuole perché estremamente comune. Chi compra la The King verosimilmente è consapevole di avere acquistato una penna triste in assoluto, ma ritiene di aver speso bene il suo denaro per la rarità dell'oggetto.
Tornando alla nostra Hastil, essa purtroppo paga l'assenza delle caratteristiche di cui sopra: la prima, perché malgrado sia sicuramente la più alta espressione delle penne di quello stile, fa comunque parte di una stirpe alla quale sono pochi a riconoscere pregi estetici, la seconda perché è abbastanza recente perché una buona parte degli esemplari prodotti siano stati conservati, ed inoltre, ironia della sorte, avendo conosciuto un grande successo, se ne trovano in abbondanza.
Detto questo preciso di avere la Hastil in collezione, ritenendola comunque sia una pietra miliare della produzione Aurora.

Offline turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11715
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #16 il: Ottobre 11, 2012, 16:36:14 pm »

......Non commettiamo sempre lo stesso errore, ovvero siccome a me non piace, allora non vale nulla. Al di la del gusto personale, tutti noi dovremmo essere abbastanza onesti dal riconoscere costantemente il valore storico, tecnico e culturale che una penna possiede.
Sempre altrettanto onestamente, bisognerebbe dire che si la penna vale xxxx ma io al massimo spenderei xx, è giusto ed è di una onestà intellettuale disarmante.


Tutto verissimo, però per condizionare le scelte della gente, anche i più abili "creatori di bisogni" hanno la necessità di almeno alcune condizioni di base: se lo I-phone5 non avesse prestazioni almeno in linea con quelle dei prodotti concorrenti è ben difficile che potrebbe imporsi nelle vendite. Allo stesso modo, riferendosi agli oggetti d'epoca ed in particolare alle panne, una stilografica per essere mitizzata a mio parere ha la necessità di avere una di queste due condizioni:
- essere bella;
- essere rara.
Azzeccatissimo l'esempio di Omas e The King; trattasi in entrambi casi comunque di belle penne (ed anche abbastanza rare). L'aurea creata sul marchio bolognese fa sì che alla Omas sia riconosciuto un valore maggiore.
Analogamente una rientrante in ebanite nera nuda The King vale assai di più che un'analoga Waterman 42, che nessuno vuole perché estremamente comune. Chi compra la The King verosimilmente è consapevole di avere acquistato una penna triste in assoluto, ma ritiene di aver speso bene il suo denaro per la rarità dell'oggetto.
Tornando alla nostra Hastil, essa purtroppo paga l'assenza delle caratteristiche di cui sopra: la prima, perché malgrado sia sicuramente la più alta espressione delle penne di quello stile, fa comunque parte di una stirpe alla quale sono pochi a riconoscere pregi estetici, la seconda perché è abbastanza recente perché una buona parte degli esemplari prodotti siano stati conservati, ed inoltre, ironia della sorte, avendo conosciuto un grande successo, se ne trovano in abbondanza.
Detto questo preciso di avere la Hastil in collezione, ritenendola comunque sia una pietra miliare della produzione Aurora.


Secondo me bisogna fare alcuni distinguo ad esempio non per forza un oggetto deve essere raro, spesso è più facile giocare sulle percezioni e quindi far credere che sia raro e in questo caso molte penne non lo sono ad esempio lucens, extra lucens, novum, superna etc... sono molto più facili da reperire di quanto si possa credere il limite è soltanto quanto si è disposti a pagare.
Idem per molti orologi, di Rolex, Patek Philippe, Omega, Longines, trovi tutto quello che vuoi quando vuoi è solo una questione di prezzo.
Di conseguenza il punto 2 è facilmente aggirabile.

Il punto 1 invece è forse più discutibile in quanto la bellezza segue due pensieri differenti, il primo forse più "umano" è legato alla persona e quindi si intuisce come sia molto ondivago nel senso che ciò che per me è bello, per altri può essere brutto.
Quindi di difficile interpretazione e classificazione.
La seconda "scuola" invece tratta la bellezza come un concetto sostanzialmente matematico, dicendo che la bellezza segue una determinata formula matematica, fatta di proporzioni etc.. r che un oggetto è tanto più bello quanto più si avvicina a questa formula che tutti noi conosciamo come proporzione aurea.
Tale proporzione ha sempre accompagnato gli uomini tanto che la conoscevano già gli antichi egizi, i greci, i romani e tutte le popolazioni antiche e che poi fu ampiamente descritta anche dal Fibonacci e Leonardo da Vinci, celebre il suo Uomo Vitruviano.

L'Hastil, potrà non piacere a livello personale ma è di fatto un oggetto proporzionalmente bello, ben strutturato e che a suo modo ben sfrutta tali regole diventando suo malgrado la capostipite di uno stile ben definito.
Non a caso è esposta al MOMA di fatti le venne riconosciuto un valore ben oltre il semplice oggetto da scrittura, diventando essa stessa un'opera d'arte (parole del MOMA).

Non a caso un fotografo poliedrico e complesso come Mapplethorpe la immortalò in alcune sue fotografie.

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9104
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #17 il: Ottobre 11, 2012, 17:54:16 pm »
..... L'Hastil, potrà non piacere a livello personale ma è di fatto un oggetto proporzionalmente bello, ben strutturato e che a suo modo ben sfrutta tali regole diventando suo malgrado la capostipite di uno stile ben definito.
Non a caso è esposta al MOMA di fatti le venne riconosciuto un valore ben oltre il semplice oggetto da scrittura, diventando essa stessa un'opera d'arte (parole del MOMA).

Non a caso un fotografo poliedrico e complesso come Mapplethorpe la immortalò in alcune sue fotografie.

Io credo che le leggi del mercato, difficilmente plasmabili oltre certi limiti, siano ciniche e spietate.
Da questo deriva che il successo commerciale non sempre premia il prodotto migliore e tal volta penalizza o addirittura stronca prodotti che hanno il solo torto di non essere compresi e quindi apprezzati. Magari perché troppo "avanti" per l'epoca nella quale sono stati proposti.
Il primo esempio che mi viene in mente è un automobile: la Fiat Bertone X-1/9. Motore centrale, trazione posteriore, quattro freni a disco e telaio di stretta derivazione da quello della Lancia Stratos. Presentata all'inizio degli anni '70 non fu assolutamente capita ed ebbe ben poco successo. Semplicemente perché era nata con una ventina di anni d'anticipo sulla mentalità corrente. Probabilmente nei musei dell'auto e nelle collezioni private avrà il suo riscatto, che non può tuttavia cancellare l'ingiusto flop commerciale.

Offline alfredop

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1757
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #18 il: Ottobre 11, 2012, 19:48:22 pm »
Va be' ho capito, mandatemi tutte le Hastil che avete che le compro io  :set2010033: :set2010033: :set2010033:

Alfredo

Offline roberto v

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 818
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #19 il: Ottobre 11, 2012, 21:00:59 pm »
Se è per quello, al Moma è esposta anche la Bic... in quanto a funzionalità e design ha un suo perchè anche lei.

Fondiamo il gruppo per la rivalutazione delle Bic!!!!!

Offline turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11715
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #20 il: Ottobre 11, 2012, 21:05:56 pm »
Se è per quello, al Moma è esposta anche la Bic... in quanto a funzionalità e design ha un suo perchè anche lei.

Fondiamo il gruppo per la rivalutazione delle Bic!!!!!

Se è per questo la Bic è realmente una penna rivoluzionaria e dovresti sapere benissimo che gli investimenti necessari per realizzare una economicissima Bic sono di gran lunga superiori a quelli necessar per realizzare una penna qualsiasi come ad esempio una Talentum, una 88 e una Paragon.
Non hai nemmeno idea di quanto costi uno stampo per realizzare le Bic...

 :set2010027:

Offline turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11715
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #21 il: Ottobre 11, 2012, 21:10:35 pm »
..... L'Hastil, potrà non piacere a livello personale ma è di fatto un oggetto proporzionalmente bello, ben strutturato e che a suo modo ben sfrutta tali regole diventando suo malgrado la capostipite di uno stile ben definito.
Non a caso è esposta al MOMA di fatti le venne riconosciuto un valore ben oltre il semplice oggetto da scrittura, diventando essa stessa un'opera d'arte (parole del MOMA).

Non a caso un fotografo poliedrico e complesso come Mapplethorpe la immortalò in alcune sue fotografie.

Io credo che le leggi del mercato, difficilmente plasmabili oltre certi limiti, siano ciniche e spietate.
Da questo deriva che il successo commerciale non sempre premia il prodotto migliore e tal volta penalizza o addirittura stronca prodotti che hanno il solo torto di non essere compresi e quindi apprezzati. Magari perché troppo "avanti" per l'epoca nella quale sono stati proposti.
Il primo esempio che mi viene in mente è un automobile: la Fiat Bertone X-1/9. Motore centrale, trazione posteriore, quattro freni a disco e telaio di stretta derivazione da quello della Lancia Stratos. Presentata all'inizio degli anni '70 non fu assolutamente capita ed ebbe ben poco successo. Semplicemente perché era nata con una ventina di anni d'anticipo sulla mentalità corrente. Probabilmente nei musei dell'auto e nelle collezioni private avrà il suo riscatto, che non può tuttavia cancellare l'ingiusto flop commerciale.

Il mondo è pieno di flop commerciali come quello della X-1/9 però questo non toglie che sia una macchina apprezzabilissima e degna sia di menzione che di essere collezionata, oltre che per l'epoca essere assolutamente innovativa sia nel design che nella tecnica.
Io la comprerei al volo!

Offline roberto v

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 818
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #22 il: Ottobre 11, 2012, 22:04:07 pm »
Se è per quello, al Moma è esposta anche la Bic... in quanto a funzionalità e design ha un suo perchè anche lei.

Fondiamo il gruppo per la rivalutazione delle Bic!!!!!

Se è per questo la Bic è realmente una penna rivoluzionaria e dovresti sapere benissimo che gli investimenti necessari per realizzare una economicissima Bic sono di gran lunga superiori a quelli per realizzare una penna qualsiasi come ad esempio una Talentum, una 88 e una Paragon.
Non hai nemmeno idea di quanto costi uno stampo per realizzare la Bic...

 :set2010027:

Infatti, la Bic è proprio una penna rivoluzionaria, che di sicuro batte tutte le penne prodotte prima e dopo di lei come numero di pezzi prodotti. Il design è funzionalmente valido in relazione al costo e quindi,  "è di fatto un oggetto proporzionalmente bello, ben strutturato e che a suo modo ben sfrutta tali regole diventando suo malgrado la capostipite di uno stile ben definito.
Non a caso è esposta al MOMA di fatti le venne riconosciuto un valore ben oltre il semplice oggetto da scrittura, diventando essa stessa un'opera d'arte (parole del MOMA)"


Come al solito, hai interpretato un mio post in maniera polemica quando non aveva nessuna intenzione di esserlo. Il solito pregiudizio.....
:set2010027:

 

Offline turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11715
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
R: Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #23 il: Ottobre 11, 2012, 22:11:09 pm »
Se è per quello, al Moma è esposta anche la Bic... in quanto a funzionalità e design ha un suo perchè anche lei.

Fondiamo il gruppo per la rivalutazione delle Bic!!!!!

Se è per questo la Bic è realmente una penna rivoluzionaria e dovresti sapere benissimo che gli investimenti necessari per realizzare una economicissima Bic sono di gran lunga superiori a quelli per realizzare una penna qualsiasi come ad esempio una Talentum, una 88 e una Paragon.
Non hai nemmeno idea di quanto costi uno stampo per realizzare la Bic...

 :set2010027:

Infatti, la Bic è proprio una penna rivoluzionaria, che di sicuro batte tutte le penne prodotte prima e dopo di lei come numero di pezzi prodotti. Il design è funzionalmente valido in relazione al costo e quindi,  "è di fatto un oggetto proporzionalmente bello, ben strutturato e che a suo modo ben sfrutta tali regole diventando suo malgrado la capostipite di uno stile ben definito.
Non a caso è esposta al MOMA di fatti le venne riconosciuto un valore ben oltre il semplice oggetto da scrittura, diventando essa stessa un'opera d'arte (parole del MOMA)"


Come al solito, hai interpretato un mio post in maniera polemica quando non aveva nessuna intenzione di esserlo. Il solito pregiudizio.....
:set2010027:

Nessun pregiudizio, ho semplicemente aggiunto delle specifiche affinché tutti i lettori possano sapere quanto più possibile...

Sent from Motorola Xoom using Tapatalk 2


Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9104
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #24 il: Ottobre 11, 2012, 23:21:12 pm »

Il primo esempio che mi viene in mente è un automobile: la Fiat Bertone X-1/9. Motore centrale, trazione posteriore, quattro freni a disco e telaio di stretta derivazione da quello della Lancia Stratos. Presentata all'inizio degli anni '70 non fu assolutamente capita ed ebbe ben poco successo. Semplicemente perché era nata con una ventina di anni d'anticipo sulla mentalità corrente. Probabilmente nei musei dell'auto e nelle collezioni private avrà il suo riscatto, che non può tuttavia cancellare l'ingiusto flop commerciale.

Il mondo è pieno di flop commerciali come quello della X-1/9 però questo non toglie che sia una macchina apprezzabilissima e degna sia di menzione che di essere collezionata, oltre che per l'epoca essere assolutamente innovativa sia nel design che nella tecnica.
Io la comprerei al volo!
[/quote]
Eccome!
Infetti quello che voglio dire è che non sempre ciò che ha un grande successo lo merita totalmente e che qualche volta prodotti che avrebbero tutti i numeri per sfondare non vengono compresi e commercialmente si rivelano un fiasco.
C'è però da dire che esiste sovente una sorta di giustizia suprema che porta alla compensazione, così le cose che non hanno avuto riconosciuto il loro valore quando erano in commercio, recuperano quando diventano oggetto di collezione; un esempio per tutti: la Zerollo.
Al contrario la Hastil, che ha avuto sicuramente un ottimo successo di vendite, è in oggi abbastanza snobbata dai collezionisti.   

Offline turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11715
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
R: Re:OMAS, a pieno titolo
« Risposta #25 il: Ottobre 11, 2012, 23:30:52 pm »

Il primo esempio che mi viene in mente è un automobile: la Fiat Bertone X-1/9. Motore centrale, trazione posteriore, quattro freni a disco e telaio di stretta derivazione da quello della Lancia Stratos. Presentata all'inizio degli anni '70 non fu assolutamente capita ed ebbe ben poco successo. Semplicemente perché era nata con una ventina di anni d'anticipo sulla mentalità corrente. Probabilmente nei musei dell'auto e nelle collezioni private avrà il suo riscatto, che non può tuttavia cancellare l'ingiusto flop commerciale.

Citazione

Il mondo è pieno di flop commerciali come quello della X-1/9 però questo non toglie che sia una macchina apprezzabilissima e degna sia di menzione che di essere collezionata, oltre che per l'epoca essere assolutamente innovativa sia nel design che nella tecnica.
Io la comprerei al volo!


Eccome!
Infetti quello che voglio dire è che non sempre ciò che ha un grande successo lo merita totalmente e che qualche volta prodotti che avrebbero tutti i numeri per sfondare non vengono compresi e commercialmente si rivelano un fiasco.
C'è però da dire che esiste sovente una sorta di giustizia suprema che porta alla compensazione, così le cose che non hanno avuto riconosciuto il loro valore quando erano in commercio, recuperano quando diventano oggetto di collezione; un esempio per tutti: la Zerollo.
Al contrario la Hastil, che ha avuto sicuramente un ottimo successo di vendite, è in oggi abbastanza snobbata dai collezionisti.


Esatto! Secondo me bisogna dare tempo al tempo. Quello che noi ora possiamo e dobbiamo fare e iniziare a dire ehi ragazzi forse è arrivato il tempo di iniziare a rivalutare queste penne!
Gettiamo il sasso e vediamo cosa succede!

Sent from Motorola Xoom using Tapatalk 2


Tags:
 

       
Twittear