Autore Topic: stantuffo tuffante omas extra lucens  (Letto 2157 volte)

0 Utenti e 3 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline fabertitti

  • Beginner
  • *
  • Post: 15
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
stantuffo tuffante omas extra lucens
« il: Novembre 03, 2012, 00:10:13 am »
  • Publish
  • Salve a tutti. Oggi pomeriggio ho preso per le mani una omas extra lucens recentemente acquistata. LA celluloide perfetta e trasparente come dovrebbe essere. Carica bene l'acqua, ma lo stantuffo molto duro da estrarre e da reinserire all'interno. Ho provato ad utilizzare olio di vaselina. E' migliorato ma ancora molto duro. Avete qualche consiglio da darmi? Vi chiedo anche se qualcuno mi sa dire se la sezione svitabile o a pressione. Grazie  :set2010027:








    Offline Ambros

    • Top Expert
    • Hero Member
    • **********
    • Post: 3655
    • Karma: +1/-0
    • Sesso: Maschio
    Re:stantuffo tuffante omas extra lucens
    « Risposta #1 il: Novembre 03, 2012, 00:35:29 am »
  • Publish
  • Bella penna!

    la sezione svitabile,
    per lo stantuffo, immagino si possa cambiare semplicemente la guarnizione,
    ma non saprei proprio come fare, dovrai attendere il parere dei "tecnici"!

    Online Giuseppe Tubi

    • Top Expert
    • Hero Member
    • **********
    • Post: 9325
    • Karma: +2/-0
    • Sesso: Maschio
    Re:stantuffo tuffante omas extra lucens
    « Risposta #2 il: Novembre 03, 2012, 09:01:48 am »
  • Publish
  • Salve a tutti. Oggi pomeriggio ho preso per le mani una omas extra lucens recentemente acquistata. LA celluloide perfetta e trasparente come dovrebbe essere. Carica bene l'acqua, ma lo stantuffo molto duro da estrarre e da reinserire all'interno. Ho provato ad utilizzare olio di vaselina. E' migliorato ma ancora molto duro. Avete qualche consiglio da darmi? Vi chiedo anche se qualcuno mi sa dire se la sezione svitabile o a pressione. Grazie  :set2010027:
    Sulla sezione ti ha gi risposto Ambros2; aggiungo solo che probabilmente c' il solito sigillante bituminoso che necessita di una scaldatina.
    La parte soggetta a deteriorarsi nelle Lucens una boccola di sughero posizionata sotto la flangia di ebanite che si vede nella tua seconda foto, riconoscibile dalle due tacche che servano appunto a svitarla. devi procedere svitando la sezione, poi rimuovendo il fondello che avvitato sullo stantuffo (attento a stringere quest'ultimo, perch di ebanite abbastanza sottile). Tolto il fondello fai uscire lo stantuffo dall'imboccatura della penna. A quel punto hai accesso alla flangia ed alla boccola da cambiare. 

    Offline fabertitti

    • Beginner
    • *
    • Post: 15
    • Karma: +0/-0
    • Sesso: Maschio
    Re:stantuffo tuffante omas extra lucens
    « Risposta #3 il: Novembre 03, 2012, 13:11:51 pm »
  • Publish
  • Grazie Giuseppe per la risposta ! Per svitare la flangia in ebanite ci vuole un attrezzo appositamente studiato per questa penna, per raggiungere le due tacche?

    Offline alfredop

    • Hero Member
    • *****
    • Post: 1772
    • Karma: +0/-0
    • Sesso: Maschio
    Re:stantuffo tuffante omas extra lucens
    « Risposta #4 il: Novembre 03, 2012, 14:23:46 pm »
  • Publish
  • Grazie Giuseppe per la risposta ! Per svitare la flangia in ebanite ci vuole un attrezzo appositamente studiato per questa penna, per raggiungere le due tacche?

    Ciao,

    devi prima svitare il fondello dall'albero del pistone, dopo puoi abbassare l'albero e svitare la flangia con un semplice cacciavite sufficientemente grande.

    Questa foto

    mi ha aiutato a procedere.
    Alfredo

    Online Giuseppe Tubi

    • Top Expert
    • Hero Member
    • **********
    • Post: 9325
    • Karma: +2/-0
    • Sesso: Maschio
    Re:stantuffo tuffante omas extra lucens
    « Risposta #5 il: Novembre 03, 2012, 14:39:54 pm »
  • Publish
  • Grazie Giuseppe per la risposta ! Per svitare la flangia in ebanite ci vuole un attrezzo appositamente studiato per questa penna, per raggiungere le due tacche?

    Ciao,

    devi prima svitare il fondello dall'albero del pistone, dopo puoi abbassare l'albero e svitare la flangia con un semplice cacciavite sufficientemente grande.

    Alfredo

    Giustissimo.
    Io mi sono costruito con un pezzo di lama da seghetto un attrezzino apposta, che sui due lati ha le dimensioni adatte al formato senior ed junior.

    Tags:
     

           
    Twittear