Post recenti

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
1
RECENSIONI STILOGRAFICHE / Anima Vintage Ogiva Extra by Ten Pen
« Ultimo post da Bruno Ballardini il Oggi alle 14:47:44 »
L'attesa è finita! Oggi ho ricevuto da Ten Pen questa meraviglia realizzata da Letizia Iacopini e Stefano Costantini (Sec). Questo incredibile team sta producendo vere e proprie gemme, sicuramente al di sopra dei più alti standard dell'industria delle penne di oggi a cui ci siamo abituati, perché sono fatte a mano. Si tratta di vere e proprie " super penne" in celluloide, ebanite o acetato di cellulosa, tornite a mano, con modelli che riproducono fedelmente l'estetica degli anni '30 e '40, e dotate di rari pennini originali in oro dell'epoca. Sì, avete letto bene, proprio quei pennini che non si trovano più e di cui si favoleggia ancora in tanti forum di collezionisti.
La confezione ha un'eleganza essenziale. Aprendo la scatola si scopre subito il contenuto attraverso la trama leggera di un tessuto trasparente. Oltre alle garanzie, ai ringraziamenti e ad alcuni piccoli blocchi di carta pregiata su cui testare il pennino, c'è una custodia di tessuto in stile giapponese di ottima fattura che protegge una superba Ogiva Extra degli anni '30, in ebanite e con caricamento a pistone. Il corpo è incredibilmente equilibrato, il pennino è un rarissimo Omas Extra EF 14k originale. Lo provo subito dopo averlo intinto in un calamaio di "Nero Nero" by Scribo, e rimango folgorato. Non ho mai provato un pennino come questo. È qualcosa di strabiliante. Morbido, docile, flessibile a piacere, con una risposta che si adatta alla mano momento per momento, eppure anche con un tratto inciso come se fosse stampato, e una scorrevolezza che pensavo impossibile in un pennino del genere. Ho già diversi pennini morbidi e scorrevoli tra quelli duri, a partire dai Montblanc per arrivare ai Sailor. Ma questo pennino è qualcosa di completamente diverso. Questo pennino ha un'anima. O meglio, sembra un'estensione della vostra anima. Ora capisco perché Letizia Iacopini ha voluto chiamare questa collezione "Anima Vintage". Il valore delle Anima Vintage è proprio nel loro legame con la tradizione e nel fatto che tutta la componentistica è prodotta pezzo per pezzo. Non c’è colla in queste penne, così come non ce n’è nelle penne vintage. I pezzi sono fatti a mano, stanno insieme perché assemblati a mano, per incastro, filettatura o frizione. Questa penna è interamente prodotta al tornio rispettando minuziosamente misure e i passi del modello originale che è una rarissima Omas Extra degli anni 30. Il processo produttivo è stato rispettato nei minimi particolari al punto che le componenti della mia Ogiva Extra sono intercambiabili con quelle del modello vintage.
Se posso darvi un consiglio, non perdete l'occasione di possedere anche voi una di queste penne. Si tratta di un'edizione molto limitata e, forse, è anche l'ultima occasione che avrete per scrivere con uno di questi pennini leggendari. Potete ammirarle qui
 
2
Presentazioni / Mi presento
« Ultimo post da Bruno Ballardini il Oggi alle 13:49:41 »
Ciao a tutti, sono Bruno Ballardini, scrittore e saggista con un passato di pubblicitario. Tempo fa mi sono riavvicinato dopo 60 anni (ne ho 68) alla penna stilografica comprandomi quella che usavo allora, una Pelikan M120 verde e nera che usavamo a scuola. La prima reazione è stata: "Ma possibile che sia così piccola?". In realtà me la ricordavo con gli occhi di un bambino e allora stava nella mia mano come adesso sta una Montblanc 146. Ma l'obiettivo del mio riavvicinamento era quello di abbattere le ore passate al computer dimezzandole: mi sono detto che la prima stesura dei miei libri potrei farla tranquillamente a mano, con la stilografica e poi l'editing nelle sue varie fasi potrei farlo a computer. Ottima idea, anche perché ho scoperto che la stilografica permette il fluire delle idee e una scrittura più rilassante che la tastiera non permette. La passione è cresciuta rapidamente e in pochi anni ho provato decine e decine di penne (sempre alla ricerca del Sacro Graal, ma sempre apprezzando e amando le caratteristiche peculiari di ciascuna). E oggi sono un utente abbastanza esperto, e mi sono divertito anche ad aprire un gruppo su Facebook al quale non hanno accesso i collezionisti, i parvenu, e quelli che della penna fanno uno "status symbol", in cui ci sono sia utenti che produttori, per favorire il dialogo e promuovere l'uso della penna stilografica oggi. Il nome del gruppo non ve lo dico, contravverrei alle regole di questo forum. Ma poi, tanto non lo trovate :-)
3
Vero. Nel modello successivo è anche di maggiore diametro.
4
E' anche il primo modello delle 42, si vede dalla filettatura a 3 anelli.
 :set2010001:
5
Grazie Lord!
6
Essenziale ma elegantissima

 :set2010001:
7
Aurora / Re:Aurora Duo-Cart - Il successo dimenticato
« Ultimo post da turin-pens il Giugno 22, 2022, 10:57:31 am »
888P cappuccio cromato una "bella abbordabile"

 :set2010033:

8
Aurora / Non sarà una stilografica però... II
« Ultimo post da turin-pens il Giugno 21, 2022, 17:01:13 pm »
Come la precedente ma in versione ecosteel, ovvero la più classica delle classiche
9
Il resto del mondo / Re:AURORA Paolo Portoghesi
« Ultimo post da diridolfof il Giugno 19, 2022, 21:22:17 pm »
Uhmmm. Sono curioso di vedere come evolve la trattativa. Chissà se si metteranno d'accordo...
10
Turin Penshow 2022 / Re:Turin Penshow 2022
« Ultimo post da giuseppelg il Giugno 18, 2022, 09:03:27 am »
Riccardo, leggo ed apprezzo sapere della nuova data del Turin pen show
Ci saro’ con molto piacere!
Un saluto e buon lavoro
Giuseppe
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
       
Twittear