Autore Topic: Due "Combo" italiane marca "Dux  (Letto 924 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline maxpen2012

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 861
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Maschio
Due "Combo" italiane marca "Dux
« il: Settembre 23, 2016, 13:05:11 pm »
Ecco altre due Combo italiane, di incerta origine, ambedue recanti inciso il motto
latino "Audaces fortuna iuvat"...
Una delle due è stata presumibilmente modificata da qualche nostalgico
incidendo sulla clip e sul pennino la parola Dux...
Sul pennino della stessa  è stato inoltre modificato il foro di aerazione creando una sagoma
assai particolare, molto in linea col machismo tipico del Ventennio...
(Topic giá pubblicato anni fa, e rimesso oggi con le sue foto)



Offline stefano_R

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 608
  • Karma: +2/-0
  • Sesso: Maschio
Re:Due "Combo" italiane marca "Dux
« Risposta #1 il: Settembre 23, 2016, 15:44:13 pm »
non è che la modifica al foro di aerazione abbia portato ad un grande risultato....

....forse questa era la versione...femminile?



 :set2010033:


Offline Fenice

  • Pennemoderne
  • Hero Member
  • ********
  • Post: 836
  • Karma: +0/-0
  • Sesso: Femmina
Re:Due "Combo" italiane marca "Dux
« Risposta #2 il: Settembre 26, 2016, 08:10:39 am »
Glissando qualsiasi commento sulla discutibile forma dei fori ... mi sorgono alcune domande:
1) che capacitá ha il serbatoio?
2) la matita puó ospitare piú mine?
3) come si ricarica il portamine?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9481
  • Karma: +3/-0
  • Sesso: Maschio
Re:Due "Combo" italiane marca "Dux
« Risposta #3 il: Settembre 26, 2016, 09:26:38 am »
Più o meno, italiani od esteri che siano, questi oggetti sono fatti allo stesso modo: le dimensioni del corpo della penna restano praticamente inalterate rispetto ai modelli senza matita e conseguentemente è il medesimo il serbatoio interno in gomma e l'autonomia della penna. La matita è praticamente tutta lì, rispetto a quella che si vede in colore nero, manca giusto quel centimetro o giù di lì che è avvitato nella penna. Ciò non comporta significative perdite di funzionalità: l'avanzamento della mina si ottiene ruotando la punta in metallo e volendo possono essere ospitate alcune mine di ricambio all'interno della matita, ed il tappo che ne impedisce l'uscita può essere costituito dalla gommina per cancellare. Non è però automatico il cambio della mina, che va estratta ed inserita dal davanti. Insomma, sostanzialmente queste matite ricalcano le caratteristiche delle loro sorelle vintage aventi un corpo autonomo; in sostanza il risparmio di dimensioni è ottenuto solo sul sistema di avanzamento della mina (comune peraltro a molte delle matite "lady" dell'epoca), sicuramente meno pratico che avviene nei modello più diffusi ruotando la metà superiore del corpo o la testina.

Offline pedewall

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 1539
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re:Due "Combo" italiane marca "Dux
« Risposta #4 il: Settembre 29, 2016, 16:57:37 pm »

Belle penne Max.

Difficile trovare combo di italica origine.
Chissà chi le faceva.

Tags:
 

       
Twittear