Autore Topic: The Scotland blu lapis tipo duofold  (Letto 58911 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline roberto v

  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #60 il: Gennaio 19, 2011, 19:37:53 pm »
Omas la quale era ed è ancora oggi un'azienda molto piccola e che nasce come officina meccanica. SAFIS invece era così come Aurora, era una vera e propria fabbrica.
:set2010035:


Non lo sapevi? dopotutto Omas è l'acronimo di Officina Meccanica Armando Simoni. Invece la fabbrica è un insieme di edifici destinati alla produzione industriale dove si trasformano le materie prime in prodotti finiti.

SAFIS significa Società Anonima Fabbrica Italiana Stilografiche termine molto diverso da Officina Meccanica Armando Simoni non trovi?

 :set2010021:

Ma qui stiamo parlando di semantica oppure di realtà industriali? Perchè sarebbe molto più interessante allora sapere - per esempio - quanti addetti avessero, che superficie occupassero, quanti pezzi producessero chessò, nel 1932, rispettivamente la Omas e la Safis.

Non è che una ditta che si chiami "Supermegafabbrica di penne stilografiche" sia necessariamente più grande di quella che si chiama - magari con un sottile understatement - "officina"...

In mancanza di questi dati, la tua affermazione è piuttosto campata in aria, a mio giudizio.

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #61 il: Gennaio 19, 2011, 19:50:04 pm »
Omas la quale era ed è ancora oggi un'azienda molto piccola e che nasce come officina meccanica. SAFIS invece era così come Aurora, era una vera e propria fabbrica.
:set2010035:


Non lo sapevi? dopotutto Omas è l'acronimo di Officina Meccanica Armando Simoni. Invece la fabbrica è un insieme di edifici destinati alla produzione industriale dove si trasformano le materie prime in prodotti finiti.

SAFIS significa Società Anonima Fabbrica Italiana Stilografiche termine molto diverso da Officina Meccanica Armando Simoni non trovi?

 :set2010021:

Ma qui stiamo parlando di semantica oppure di realtà industriali? Perchè sarebbe molto più interessante allora sapere - per esempio - quanti addetti avessero, che superficie occupassero, quanti pezzi producessero chessò, nel 1932, rispettivamente la Omas e la Safis.

Non è che una ditta che si chiami "Supermegafabbrica di penne stilografiche" sia necessariamente più grande di quella che si chiama - magari con un sottile understatement - "officina"...

In mancanza di questi dati, la tua affermazione è piuttosto campata in aria, a mio giudizio.

Io i dati in mio possesso li ho, però datti da fare e cercali tu, non aspettare sempre che siano gli altri a fare tutto.

Offline Wallygator

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #62 il: Gennaio 19, 2011, 20:01:00 pm »
Omas la quale era ed è ancora oggi un'azienda molto piccola e che nasce come officina meccanica. SAFIS invece era così come Aurora, era una vera e propria fabbrica.
:set2010035:


Non lo sapevi? dopotutto Omas è l'acronimo di Officina Meccanica Armando Simoni. Invece la fabbrica è un insieme di edifici destinati alla produzione industriale dove si trasformano le materie prime in prodotti finiti.

SAFIS significa Società Anonima Fabbrica Italiana Stilografiche termine molto diverso da Officina Meccanica Armando Simoni non trovi?

 :set2010021:

Ma qui stiamo parlando di semantica oppure di realtà industriali? Perchè sarebbe molto più interessante allora sapere - per esempio - quanti addetti avessero, che superficie occupassero, quanti pezzi producessero chessò, nel 1932, rispettivamente la Omas e la Safis.

Non è che una ditta che si chiami "Supermegafabbrica di penne stilografiche" sia necessariamente più grande di quella che si chiama - magari con un sottile understatement - "officina"...

In mancanza di questi dati, la tua affermazione è piuttosto campata in aria, a mio giudizio.

Io i dati in mio possesso li ho, però datti da fare e cercali tu, non aspettare sempre che siano gli altri a fare tutto.

Io i dati delle relative produzioni non li ho, ma ritengo che siano proporzionali all'attuale mercato (numerico) della stilo vintage, quante sono le Omas attualmente compravendute e quante sono le Safis (attraverso i vari marchi)????

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #63 il: Gennaio 19, 2011, 20:41:10 pm »
Citazione

Io i dati delle relative produzioni non li ho, ma ritengo che siano proporzionali all'attuale mercato (numerico) della stilo vintage, quante sono le Omas attualmente compravendute e quante sono le Safis (attraverso i vari marchi)????

Prima mi è stato detto che: "In mancanza di questi dati, la tua affermazione è piuttosto campata in aria, a mio giudizio."

Ora io rispondo che: Le credenze popolari senza un minimo ragionamento circostanziato dove sono campate? dillo tu... ditelo voi...

Offline pedewall

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #64 il: Gennaio 19, 2011, 23:06:49 pm »
Quante vecchie scartoffie mi fate tirare fuori (non è vero, sono tutte fotocopie nuove).

Al fine di poter almeno approssimativamente dimensionare economicamente la SAFIS, Vi fornisco uno stralcio di alcuni dati della stessa, carte che sinora non ho ancora interamente analizzato.

  1)  la SAFIS è stata costituita il 23 giugno 1926 (reg.Gen. 2048) a Torino con la denominazione di  “Società Anonima Pennini King” versando un capitale sociale di Lire 150.000 (i.v.) e dal primo anno di attività esportava in Spagna, Belgio, Egitto;lo stesso viene aumentato a 180.000 Lire nel 1938 e nel 1940 (quindi in piena era fascista) viene portato a Lire 1.134.000; per avere un termine di paragone, nel 1934 l’intero collegio sindacale (erano in tre) costava annualmente alla società Lire 750 (quindi il capitale sociale era 200 volte superiore); se oggi i sindaci di una S.p.A. costassero annualmente 75.000 € il capitale da sottoscrivere alla costituzione dovrebbe essere di 1,5 milioni di euro (che Andrea ci dica quanti sono secondo lui quelli che avviano oggi una società con tale capitale iniziale interamente versato, ma credo che la risposta sia scontata).
Buon per Voi non ho dati economici in quanto ho volontariamente omesso di acquisire i bilanci, non mi servivano e ve li risparmio.
Non vi sono dati sugli operai in quanto la modulistica delle Società Anonime non li prevedeva. 
 
2) Omas costituita nel 1929. Non ho nessun dato su questa società, non mi servivano in quanto su di essa tanto è stato scritto, interi libri; non dovrebbe quindi essere particolarmente  difficile, per quelli di buona volontà e curiosi della ricerca della verità trovare quanto serve per ultimare questa possibile comparazione economica dimensionale delle due aziende.

Offline Wallygator

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #65 il: Gennaio 20, 2011, 00:42:26 am »
Quante vecchie scartoffie mi fate tirare fuori (non è vero, sono tutte fotocopie nuove).

Al fine di poter almeno approssimativamente dimensionare economicamente la SAFIS, Vi fornisco uno stralcio di alcuni dati della stessa, carte che sinora non ho ancora interamente analizzato.

  1)  la SAFIS è stata costituita il 23 giugno 1926 (reg.Gen. 2048) a Torino con la denominazione di  “Società Anonima Pennini King” versando un capitale sociale di Lire 150.000 (i.v.) e dal primo anno di attività esportava in Spagna, Belgio, Egitto;lo stesso viene aumentato a 180.000 Lire nel 1938 e nel 1940 (quindi in piena era fascista) viene portato a Lire 1.134.000; per avere un termine di paragone, nel 1934 l’intero collegio sindacale (erano in tre) costava annualmente alla società Lire 750 (quindi il capitale sociale era 200 volte superiore); se oggi i sindaci di una S.p.A. costassero annualmente 75.000 € il capitale da sottoscrivere alla costituzione dovrebbe essere di 1,5 milioni di euro (che Andrea ci dica quanti sono secondo lui quelli che avviano oggi una società con tale capitale iniziale interamente versato, ma credo che la risposta sia scontata).
Buon per Voi non ho dati economici in quanto ho volontariamente omesso di acquisire i bilanci, non mi servivano e ve li risparmio.
Non vi sono dati sugli operai in quanto la modulistica delle Società Anonime non li prevedeva. 
 
2) Omas costituita nel 1929. Non ho nessun dato su questa società, non mi servivano in quanto su di essa tanto è stato scritto, interi libri; non dovrebbe quindi essere particolarmente  difficile, per quelli di buona volontà e curiosi della ricerca della verità trovare quanto serve per ultimare questa possibile comparazione economica dimensionale delle due aziende.


Per convertire i valori della lira nel tempo i dati sono qui:
http://www.oppo.it/tabelle/riv-lira-dal1861.html
qui:
http://www.cracantu.it/servizi/on_line/vari/valorelira.php

Offline roberto v

  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #66 il: Gennaio 20, 2011, 10:11:53 am »

Io i dati in mio possesso li ho, però datti da fare e cercali tu, non aspettare sempre che siano gli altri a fare tutto.

E no: non funziona in questo modo.

In ambito della divulgazione e della ricerca chi fa delle affermazioni le deve anche giustificare con i dati che ha a disposizione in modo che chi legge possa eventualmente raffrontarli con i propri e/o verificarli con le proprie ricerche: non buttare lì affermazioni e aspettare che siano gli altri a cercare i "PROPRI" dati - ovviamente, se lo scopo è  fare ricerca e divulgazione "scientifica" e non semplicemente fare discorsi da bar.

Quindi, un grazie Pedewall per i dati che ci stai fornendo.

Offline pedewall

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #67 il: Gennaio 20, 2011, 10:26:10 am »

Perfetto Walter, giusti i criteri comunemente utilizzati per la rivalutazione della lira, ma negli anni l’inflazione, il corso della variazione del potere di acquisto della lira, della remunerazione dei salari e dei servizi, come anche dei costi delle materie prime e dei beni è totalmente differente.
Ognuno di questi dovrebbe avere una sua tabella di rivalutazione, vi immaginate il casino e poi si corre il rischio di comparare, come si suol dire mele con rape.
Il problema è molto più complesso.

Mi spiego meglio utilizzando quanto disponibile.

Nel 1926 il C.S. della Soc. A. The King era di Lire 150.000 che moltiplicato per il coefficiente di rivalutazione 1361 porta ad un valore attuale di Lire 200.000.000 (100.000 €), ma il collegio sindacale di tre persone era remunerato con Lire 750 x 1361= Lire 1.021.00.
Non esiste  collegio sindacale di commercialisti che oggi si possa accontentare di tale cifra.

Offline Wallygator

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #68 il: Gennaio 20, 2011, 11:59:37 am »

Perfetto Walter, giusti i criteri comunemente utilizzati per la rivalutazione della lira, ma negli anni l’inflazione, il corso della variazione del potere di acquisto della lira, della remunerazione dei salari e dei servizi, come anche dei costi delle materie prime e dei beni è totalmente differente.
Ognuno di questi dovrebbe avere una sua tabella di rivalutazione, vi immaginate il casino e poi si corre il rischio di comparare, come si suol dire mele con rape.
Il problema è molto più complesso.

Mi spiego meglio utilizzando quanto disponibile.

Nel 1926 il C.S. della Soc. A. The King era di Lire 150.000 che moltiplicato per il coefficiente di rivalutazione 1361 porta ad un valore attuale di Lire 200.000.000 (100.000 €), ma il collegio sindacale di tre persone era remunerato con Lire 750 x 1361= Lire 1.021.00.
Non esiste  collegio sindacale di commercialisti che oggi si possa accontentare di tale cifra.


Sicuramente oggi il collegio sindacale di una Spa non si accontenterebbe di un emolumento così basso; però occorre tener conto che nel tempo anche le attibuzioni e le competenze del collegio sindacale sono cambiate (tieni conto che la responsabilità penale del collegio sindacale é stato introdotto solo nel 2001 ed, ovviamente, ciò ha contribuito ad aumentarne le prebende)...

Offline pedewall

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #69 il: Gennaio 20, 2011, 12:09:04 pm »

E meno male, non potevano ratificare ogni puttanata e solo responsabili del valore del denaro in "cassa".

Offline Wallygator

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #70 il: Gennaio 20, 2011, 13:38:31 pm »

Perfetto Walter, giusti i criteri comunemente utilizzati per la rivalutazione della lira, ma negli anni l’inflazione, il corso della variazione del potere di acquisto della lira, della remunerazione dei salari e dei servizi, come anche dei costi delle materie prime e dei beni è totalmente differente.
Ognuno di questi dovrebbe avere una sua tabella di rivalutazione, vi immaginate il casino e poi si corre il rischio di comparare, come si suol dire mele con rape.
Il problema è molto più complesso.

Mi spiego meglio utilizzando quanto disponibile.

Nel 1926 il C.S. della Soc. A. The King era di Lire 150.000 che moltiplicato per il coefficiente di rivalutazione 1361 porta ad un valore attuale di Lire 200.000.000 (100.000 €), ma il collegio sindacale di tre persone era remunerato con Lire 750 x 1361= Lire 1.021.00.
Non esiste  collegio sindacale di commercialisti che oggi si possa accontentare di tale cifra.


Sicuramente oggi il collegio sindacale di una Spa non si accontenterebbe di un emolumento così basso; però occorre tener conto che nel tempo anche le attibuzioni e le competenze del collegio sindacale sono cambiate (tieni conto che la responsabilità penale del collegio sindacale é stato introdotto solo nel 2001 ed, ovviamente, ciò ha contribuito ad aumentarne le prebende)...


...anche se, con la depenalizzazione del falso in bilancio abbiamo "pattato gli ori".....(mantenendo alte le prebende) :set2010054:

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #71 il: Gennaio 20, 2011, 15:01:47 pm »

Io i dati in mio possesso li ho, però datti da fare e cercali tu, non aspettare sempre che siano gli altri a fare tutto.

E no: non funziona in questo modo.

In ambito della divulgazione e della ricerca chi fa delle affermazioni le deve anche giustificare con i dati che ha a disposizione in modo che chi legge possa eventualmente raffrontarli con i propri e/o verificarli con le proprie ricerche: non buttare lì affermazioni e aspettare che siano gli altri a cercare i "PROPRI" dati - ovviamente, se lo scopo è  fare ricerca e divulgazione "scientifica" e non semplicemente fare discorsi da bar.

Quindi, un grazie Pedewall per i dati che ci stai fornendo.

Infatti, non funziona in questo modo.

No non funziona in questo modo. Infatti il mio è un ragionamento basato su dati oggettivi disponibili alla portata di tutti.
Pedewall ne ha confermato la giustezza facendo opera divulgativa di atti pubblici.

Io ho dimostrato che a quelle cose ci si può arrivare anche ragionando. I fischi sono fischi e i fiaschi sono fiaschi.

Offline Wallygator

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #72 il: Gennaio 20, 2011, 15:09:32 pm »
E...la topa é topa, ma allora i trans dove li mettiamo? :set2010054:

Offline mccagly

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #73 il: Gennaio 20, 2011, 15:21:10 pm »
E...la topa é topa, ma allora i trans dove li mettiamo? :set2010054:

.............. LONTANO DA ME  !!!

 :set2010033:

Offline f.hawks

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Karma: +2/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #74 il: Gennaio 20, 2011, 15:59:54 pm »
Fabio dove sei?????? metti la parola fine a questa discussione..........

 :set2010053: :set2010053:

 

       
Twittear