Autore Topic: The Scotland blu lapis tipo duofold  (Letto 56325 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 12498
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #15 il: Gennaio 14, 2011, 15:47:16 pm »
La misura è media.

Personalmente, suppongo sia Omas per le caratteristiche costruttive,
ed anche per il fatto che tradizionalmente nei libri è attribuita ad Omas.

Naturalmente so bene che non c'è argomento più incerto di quest'ultimo.....

Se si mette questa penna a confronto con quella marchiata Omas
a pagina 30 del libro di Letizia (la penna di mezzo, del medesimo colore),
non si può fare a meno di notare che le due penne sono identiche in ogni particolare,
per misura, qualità della celluloide, finiture, etc..

Anche questa, però, potrebbe non essere la parola definitiva...
la penna potrebbe essere un "clone" della concorrenza...
Una concorrenza davvero vicina ad Omas,
visto che le The Scotland si ritengono comunque prodotte a Bologna
(ed anche la mia, guarda caso, proviene da Bologna).

In ogni caso, ne sappiamo poco.

Queste penne erano commercializzate dalla ditta Armando Merighi
che si definiva "concessionario per l'Italia della The Scotland Pen",
con sede in Bologna alla via Cesare Battisti.

Che la produzione sia italica è fuori di dubbio, sono penne che si trovano solo da noi,
che sia bolognese anche, per quanto sopra,
che sia una produzione di qualità è evidente,
che Merighi non le producesse direttamente è scontato,
quindi una produzione su commissione, effettuata da una ditta bolognese.........
........e qui il campo si restringe fortemente: Omas oppure Tabo.

L'unica è sperare di rinvenire, prima o poi,
qualche documento certo, ma oggi come oggi
chi abbia prodotto queste penne non è affatto sicuro!

Io ho sempre sostenuto che la The Scotland fosse una produzione SAFIS producevano anche una penna a nome The King con delle celluloidi non belle....meravigliose! Per intenderci con le celluloidi della stessa qualità dell'Internazionale di Aurora. Sempre in stile Duofold come quella che hai mostrato tu.

[ Attachment Invalid Or Does Not Exist ]

Se vai a pag 115 del libro Omas di Dolcini vedrai una The King tipo Duofold streamlined con la stessa greca della mia The Scotland. Questa esisteva anche in forma flat top.
Mio padre l'ha avuta in set blu tipo Internazionale.
A pag 126 e 127 del secondo volume scritto da Letizia puoi fare tutti i confronti che vuoi, mentre a pag 79 sempre del secondo volume scritto da Letizia, vedrai una The Scotland sfaccettata identica alla mia ma in colore black and pearl venato erroneamente attribuita alla produzione Omas.
Noterai anche tu che quella penna The Scotland nella sezione Omas ci azzecca come i cavoli a merenda.

per agevolare la visione: THE SCOTLAND BY SAFIS SILVERLIGHT VIEW

 :set2010021:

Offline mccagly

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 3509
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #16 il: Gennaio 14, 2011, 17:08:05 pm »
Siamo sicuri che le penne mostrate abbiano la stessa "paternità"  ?

Mi viene il dubbio notando che la penna di Andrea è una THE SCOTLAND PEN mentre, quella mostrata da Riccardo, è una SCOTLAND ( manca l'articolo THE e PEN), sul libro di Letizia sono riportate entrambe e possiamo notare che il pennino della penna di Andrea è un THE SCOTLAND 14 kt. Made in England, quello mostrato da Riccardo è un SCOTLAND ITALIANA - 585 0/00.

Sempre dal libro di Letizia, notiamo che la fattura della ditta Merighi ( pag.75 - II volume) riporta la dicitura:

Concessionario per l'Italia della THE SCOTLAND PEN.

Semplicemente concessionario, nonostante fosse anche produttore, la fattura riporta infatti anche la dicitura "Merighi Fabbrica Penne Stilografiche"

Perchè modificare nel tempo il nome da The Scotland Pen a Scotland  ?
Perchè marcare i pennini The Scotland con Made in England  ?
Perchè marcare gli altri pennini Scotland sottolineando ITALIANA  ?

Le argomentazioni, sul cambio nome,
della "esterofilia" che aiutava a vendere i prodotti
e delll'autarchia del ventennio che portò ad Italianizzare molti nomi e diciture, mi convincono fino ad un certo punto.

L'incisione della clip THE SCOTLAND e il tipo di carattere usato è comunque ..... molto familiare !!!

Possiamo tranquillamente immaginare che si tratti di produzioni di case diverse che si siano nel tempo "scimmiottate" il nome.

Offline eric47

  • Advanced User / Master Copyrighter
  • Hero Member
  • ******
  • Post: 1412
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #17 il: Gennaio 14, 2011, 17:49:09 pm »
Siamo sicuri che le penne mostrate abbiano la stessa "paternità"  ?

Possiamo tranquillamente immaginare che si tratti di produzioni di case diverse che si siano nel tempo "scimmiottate" il nome.

Molto plausibile.

In ogni caso, due belle penne.  :set2010001:

Offline mccagly

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 3509
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #18 il: Gennaio 14, 2011, 19:22:23 pm »
Penne identiche con denominazione cambiata .... GIUSTO  !!

E come la "sposi" con la SCOTLAND  di Riccardo  ?

A me sembrano lavorate da mani diverse.

 :set2010044:

Offline fabbale

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 6218
  • Karma: +2/-0
  • Sesso: Maschio
  • Don't worry be happy !!!
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #19 il: Gennaio 14, 2011, 19:32:43 pm »
Tutte molto belle e tornando quindi all'origine del post, secondo me il Not non ha sbagliato a prenderla.
Certo la cifra è discutubile, ma è una questione moooooooolto soggettiva; finchè uno fa con i "suoi" non fa male a nessuno!!!!

Io applaudo il Not e dico ancora bella penna.

 :set2010083:

PS trovati gli articoli su penna ma secondo me non aggiungano nulla di particolare se non per una immagine.
Domani se posso vado di scan.

Offline Ambros

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 3655
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #20 il: Gennaio 14, 2011, 19:46:30 pm »
Grazie Fabio,
se puoi mandarmi il materiale mi fai davvero un piacere!

Belle le penne di Sbroglia;
non riesco a vedere bene i pennini,
l'unico che si legge è quello della duofold nera, che però è precedente alla penna:
ha la (fantasiosa) scritta made in England (!! - per una penna che si chiama Scozia!)
anzichè la scritta made in italy; ma i pennini made in E. erano abbinati alle penne,
come la mia, col corpo inciso "The Scotland Pen - Self Filling",
mentre quelli Made in I. erano abbinati alle penne con la scritta "The Scotland Pen - Italiana".
(quindi toglilo via SUBITO, e dallo A ME!!) :set2010080:

Offline Ambros

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 3655
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #21 il: Gennaio 15, 2011, 00:43:21 am »
mmmmmmmmmm al quadrato


domani metto i pennini

dubito degli accoppiamenti dei pennini che dici, andrea




Stefano,
è l'opinione scritta nero su bianco a pag 78 da Letizia,
che individua persino una data, il 1935, come spartiacque
tra i modelli "Self Filling/made in England" ed i modelli "Italiana/made in Italy".

Offline turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 12498
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #22 il: Gennaio 15, 2011, 11:08:18 am »
Vi ricordo l'Aurora Internazionale, penna italiana prodotta da Aurora e presente nello stesso periodo con almeno due differenti punzoni ovvero il classico Aurora Fabbrica Italiana di Penne a Serbatoio, e il più raro Aurora Fountain Pen. Entrambe usano il pennino con classico punzone italiano.
Poi esiste la stessa penna, prodotta nello stesso periodo ma con punzone sul corpo in francese e pennino sempre italiano ma con punzone francese... Il modello francese è visibile QUI

Avete notato che nella fattura di Armando Merighi presente sul libro di Letizia non viene mai menzionato alcun legame con Armando Simoni? Direi che si può paragonare ai depliant pieghevoli di Cesare Marinai che a Milano faceva lo stesso tipo di lavoro con penne anche di Aurora diversamente marchiate.

Offline eric47

  • Advanced User / Master Copyrighter
  • Hero Member
  • ******
  • Post: 1412
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #23 il: Gennaio 15, 2011, 12:28:15 pm »
Mah...ti assicuro che per fattura, forma e dimensioni quel pennino non puo' che andare su una penna del genere

e se hanno seguito la moda americana (come presumibilmente é ) con la Flat Top e poi la Streamline, è difficile dire qui ci và e qui non ci và...

ecco i pennini

Oy! Stefano "double post", l'hai fatto ancora. ;D

Senti, penso che il server/sito sia lentissimo con allegati. Vedo spesso un "time out", il post andava a buon fine, ma non vedo subito i miei posts con allegati. Se aspetto verso 2-5 minuti, vedo il mio post con allegati. C'è un delay notevole con posts con allegati. Quindi abbia un po' di pazienza ;D prima di fare un post ancora, anche se c'è un errore di time out.

Cosa è successo con il secondo pennino, mi sembra un paio di forbici. ;D

Offline fabbale

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 6218
  • Karma: +2/-0
  • Sesso: Maschio
  • Don't worry be happy !!!
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #24 il: Gennaio 15, 2011, 15:08:08 pm »
Primo articolo penna

Offline fabbale

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 6218
  • Karma: +2/-0
  • Sesso: Maschio
  • Don't worry be happy !!!
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #25 il: Gennaio 15, 2011, 15:13:57 pm »
Per Not

Offline eric47

  • Advanced User / Master Copyrighter
  • Hero Member
  • ******
  • Post: 1412
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #26 il: Gennaio 15, 2011, 16:40:42 pm »
Per Not

Riesci rifare 7 e 8 (gli ultimi due scans)? Hai tagliato l'inglese. :set2010091: Più veloce per me.  :set2010028:

Offline fabbale

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 6218
  • Karma: +2/-0
  • Sesso: Maschio
  • Don't worry be happy !!!
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #27 il: Gennaio 15, 2011, 17:52:29 pm »
Per Not

Riesci rifare 7 e 8 (gli ultimi due scans)? Hai tagliato l'inglese. :set2010091: Più veloce per me.  :set2010028:

Hai ragione Eric, mo ho pensato all'Ambros!!!!

Appena ho un minuto ti faccio copie con evidenza Inglese.

Sorry, exuse me


Offline Ambros

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 3655
  • Karma: +1/-0
  • Sesso: Maschio
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #28 il: Gennaio 15, 2011, 18:35:08 pm »
Grazie Fabio, davvero gentile! :set2010001:

Stefano,
mica ho detto che il pennino stà male sulla tua duofold nera, anzi!
Il pennino tuo è perfetto per quella penna, perché i pennini "The Scotland"
marchiati "made in England" e quelli marchiati "made in Italy" sono IDENTICI,
il loro utilizzo è solo una questione temporale: prima del 1935 i "made in E", e dopo il 1935 gli altri.
Domani posterò la pagina del libro di Letizia che lo spiega bene.
(la mia non è una critica, ma una precisazione).

Interessanti gli articoli, che però aggiungono poco a quello che sappiamo,
anzi mi sembra di capire che gli Autori, almeno per il modello duofold come quello da me postato,
diano per scontata la produzione Simoni.

Diverso il caso della bellissima penna di Riccardo,
su cui sembra si possa discutere, anche sulla base del contenuto dei due articoli.

PS: davvero utile questo topic,
ha ragione Riccardo: come piace a me!

Offline turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 12498
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re: The Scotland blu lapis tipo duofold
« Risposta #29 il: Gennaio 15, 2011, 20:13:45 pm »
Fate due paragoni tra la The Scotland di Ambrosini e la penna del set The King mostrato da me qualche tempo fa.
Noterete che la penna è identica, quello che cambia sono le dimensioni media quella di Ambrosini, grande la mia, di conseguenza la media ha due verette, la grande tre.
Anche lo stilema della clip della penna di Ambrosini ricalca pienamente lo stile della scritta sulla clip della The king.
Ora se prendete la sfaccettata dei due articoli e del libro Iacopini, noterete che è identica sia alla mia The Scotland/Scotland che alle The king sfaccettate e che queste ultime non hanno nulla a che fare con la sfaccettata di Omas.

Queste sono invece due laminate, la prima The Scotland, la seconda The King, noterete il medesimo tipo di stilema...

[ Attachment Invalid Or Does Not Exist ]

[ Attachment Invalid Or Does Not Exist ]

[ Attachment Invalid Or Does Not Exist ]

[ Attachment Invalid Or Does Not Exist ]

[ Attachment Invalid Or Does Not Exist ]

[ Attachment Invalid Or Does Not Exist ]

Vi basta oppure continuo?

 

       
Twittear