Autore Topic: I giochi di un uomo Hi Fi  (Letto 1383 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online stefano_R

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 474
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #45 il: Marzo 07, 2019, 16:55:39 pm »
...concordo su tutto con il sempre esperto Tubi, ma mi permetto di aggiungere che, se possibile, è sempre meglio ascoltare PRIMA dell'acquisto, perché alla fine dei giochi ci possono essere grandi sorprese, a prescindere dal prezzo e dal fascino estetico dell'oggetto individuato.  Apparecchi blasonati possono deludere, cinesi sconosciuti o vintage snobbati possono dare grandi soddisfazioni, un po come pennini, inchiostri, carta......

Offline pedewall

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 1451
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #46 il: Marzo 07, 2019, 20:32:34 pm »

Ordinato album con i quattro LP.

In attesa che arrivino ho scaricato i 6 CD in lossless, per adesso ascolto il terzo; rimasterizzati molto, ma molto bene, ottima qualità ed effetto stereo strepitoso.

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9000
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #47 il: Marzo 07, 2019, 21:26:14 pm »
Stefano ha ragione: una prova d'ascolto può essere illuminante. Purtroppo è praticamente possibile solo dai rivenditori specializzati, spesso dotati di apparecchiature che consentono, specie sui diffusori, la commutazione rapida.
A tal proposito mi ricordo nei miei ormai remoti trascorsi, quando collaboravo con un negoziante amico, quando ci si accingeva a far provare un apparecchio e si chiedeva all'interessato che tipo di musica ascoltasse, per scegliere un disco appropriato, la risposta era sempre la stessa: musica classica.
Credo che in un buon 80% dei casi non fosse vero, però faceva tanto "vero audiofilo".
A parte l'aspetto buffo, trovo che questo fosse molto stupido, perché la cosa migliore è scegliere cose di cui si conosce il suono "originale". Quindi se uno suona il pianoforte, sarà bene che giudichi la resa su tale strumento, analogamente chi suona la chitarra acustica non avrà problemi a capire se tale strumento è reso in modo naturale.
Per gli altri che, come il sottoscritto, non hanno dimestichezza con alcuno strumento, il mio consiglio è valutare la voce, che tutti conosciamo e senza difficoltà ci accorgiamo se è troppo "elettrica", nasale od altro. Personalmente, pur non essendone un grande estimatore, per ascoltare un componente Hi-Fi mi sono sempre portato dietro un disco di Mina, il cui timbro di voce trovo particolarmente indicato per la "rotondità": mai gracchiante o rauca. 

Online stefano_R

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 474
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #48 il: Marzo 07, 2019, 22:12:28 pm »
Mina va sempre bene, ma anche i Dire Straits Brother in arms, Donald Fagen The nightfly e anche De André Creuza de Ma sono best seller per gli ascolti.... poi altre voci femminili tipo Diana Krall e Miles Davis Kind of blue.......



Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Tags:
 

       
Twittear