Autore Topic: I giochi di un uomo Hi Fi  (Letto 1920 volte)

0 Utenti e 3 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9036
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #30 il: Gennaio 20, 2019, 21:03:39 pm »
Erano gingilli molto in voga negli anni d'oro, prima che l'evoluzione facesse passare da 84 controlli di tono, nella convinzione che si potesse così ottimizzare l'ascolto, a... zero controlli di tono nella convinzione che ogni percorso in più fatto fare al segnale ne peggiorasse la qualità. La via migliore è sempre quella che ognuno faccia ciò che più lo soddisfa
Comunque questo della SAE è particolarmente bello e fascinoso, come tutti gli apparecchi della predetta casa americana. Sull'utilità ho personalmente più di una perplessità visto che le mie esperienze sono state abbastanza da nevrosi per la voglia di cambiare le regolazioni ogni volta che cambiavo disco....

Online stefano_R

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 502
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #31 il: Gennaio 21, 2019, 08:32:40 am »
...giustissimo....
credo che la soluzione sia quella di poter decidere, attivando o no il tasto "DEFEAT" se inserire o no una certa correzione.
Nel mio caso un piccolo intervento nella parte delle basse frequenze per "aiutare" le mie casse elettrostatiche che non brillano certo per la profondità dei bassi, o una piccola aggiustatina per ottimizzare le caratteristiche indotte dalla conformazione della stanza o dell'arredo ..... non penso faccia proprio male...anzi.
Anche in questo la scelta e la soddisfazione personale devono essere più importanti che non quanto "gli esperti" scrivono su internet, senza però essere mai venuti a casa tua a constatare il risultato effettivo, quindi  preferisco avere il SAE ed usarlo se lo ritengo gradevole piuttosto che farmi condizionare dalla purezza nell'uscita del segnale proclamata da qualcuno......
Penso che in questo il buon Tubi non possa che essere d'accordo.....

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9036
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #32 il: Gennaio 21, 2019, 14:27:44 pm »
Certo che sono d'accordo: in ultima analisi ognuno sceglie e regola il suo impianto per la propria soddisfazione, e ci mancherebbe che non fosse così.
Detto ciò una puntualizzazione però la devo fare: anche col DEFEAT premuto il segnale attraversa comunque una parte di circuito, nonché cavi e connessioni in più rispetto al collegamento diretto.
Se hai mai avuto occasione di provare diversi tipi di cavi di connessione "speciali", ti sarai reso conto di quanto ciò possa influire, e quanto incredibilmente queste connessioni siano in grado di migliorare l'ascolto rispetto ad un cavo normale, e come inoltre ognuno di questi produca una sonorità diversa. Se uno non tocca con mano, anzi, con orecchio, non ci crederebbe mai. Naturalmente anche i cavi di collegamento degli altoparlanti hanno un'influenza notevole.
Purtroppo il denominatore comune di questa roba è che costa tutta carissima....

Online stefano_R

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 502
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #33 il: Gennaio 21, 2019, 15:04:47 pm »
...parole sante...... o meglio suoni santi.....
A volte però sarebbe meglio far finta di non saperlo perché almeno ne beneficia il portafoglio.
Ho visto cavi che costano molto più degli apparecchi (...ma non ho avuto modo di verificarne l'effetto reale......), ho visto gente che li compra e poi ascolta la musica scaricata sul  telefono in Mp3......
Se riesco a non pensarci mi accontento del mio attuale impianto, poi chissà.....


Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9036
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #34 il: Gennaio 21, 2019, 15:21:14 pm »
Spendere somme astronomiche per i cavi e poi sentirci degli mp3 scaricati è semplicemente demenziale.
Comunque quello dei cavi è un universo incredibile: ce ne sono persino dei tipi dotati di una batteria che li polarizza!
Comunque quando un pò di tempo fa acquistai una testina BENZ che mi era stata caldeggiata dal mio rivenditore di fiducia, dopo averla provata tornai indietro per riportargliela, piuttosto deluso. Mi chiese che cavi avevo e me ne diede tre o quattro tipi diversi, invitandomi a riprovare utilizzandoli: le differenze erano incredibili e con il cavo giusto il brutto anatroccolo si è rivelato cigno...

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11571
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #35 il: Gennaio 23, 2019, 19:25:28 pm »
Chissà come suona Bohemian Rhapsody con tutta quella meraviglia!

Inviato dal mio Moto G (4) utilizzando Tapatalk


Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9036
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #36 il: Gennaio 23, 2019, 21:28:56 pm »
A proposito, fai attenzione nel rinforzare le basse frequenze: probabilmente ad ogni tacca dei cursori del SAE corrisponde un incremento di 3db, che comportano il raddoppio della potenza, quindi vacci piano col volume, perché le elettrostatiche potrebbero non gradire!
E' vero che questo tipo di diffusori non sono particolarmente generosi sulle basse frequenze, ma nonostante questo a me il loro suono piace tantissimo, specie dopo che i costruttori hanno (ormai da molto tempo) risolto il problema della eccessiva direzionalità. Ricordo che le vecchie QUAD EL 63 erano piacevolissime standoci seduti davanti: se ti alzavi in piedi però perdevi gran parte del suono.

Online stefano_R

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 502
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #37 il: Gennaio 25, 2019, 09:49:25 am »
in effetti me ne sono accorto.....alzando i cursori in maniera un pò ...indisciplinata...ho notato vibrazioni e risonanze importanti, a parte il fatto che esiste anche un tasto che regola l'incremento (16db/8db) per aiutare nella correzione.
Comunque l'idea è proprio quella di intervenire su poche e selezionate frequenze (basse) per dare solo una piccolo incremento, poco invasivo ma di soddisfazione musicale.
In effetti anche la direzionalità  è una delle caratteristiche di questo tipo di casse isodinamiche, ma le generose dimensioni di questo modello (Magneplanar MG IIA - 56cm L x 180 cm H) offrono una grande superficie radiante che consente una copertura di una ampia superficie.


Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9036
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #38 il: Gennaio 25, 2019, 18:28:52 pm »
Quei diffusori sono un mito.

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9036
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #39 il: Marzo 07, 2019, 10:59:55 am »
Gente, se amate o comunque vi piacciono i Beatles non lasciatevi sfuggire la "Anniversary Edition" del mitico doppio album bianco: bella la confezione (in quella cd è compreso anche un album fotografico), curiose le "Esher Demo" (ulteriori 2 lp), ma quello che è incredibile è il lavoro fatto sull'audio: ascolterete cose mai sentite prima, con un'apertura ed un analiticità dei suoni sconosciuta nelle versioni precedenti, Original Master Recording inclusa.
E non pensate ad un suono artefatto, "pompato": sembra solo un'incisione attuale anziché di cinquant'anni fa.
La versione in vinile costa una sessantina di euro su Amazon e se li vale tutti: dal primo all'ultimo centesimo. Davvero imperdibile.

Online stefano_R

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 502
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #40 il: Marzo 07, 2019, 11:34:04 am »
grazie della info, procedo con l'acquisto del vinile.....

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9036
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #41 il: Marzo 07, 2019, 11:56:31 am »
grazie della info, procedo con l'acquisto del vinile.....
Vedrai, non te ne pentirai.

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11571
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #42 il: Marzo 07, 2019, 12:21:26 pm »
Seguo il consiglio del Tubi e mi aggiungo all'acquisto.

Seguendo questo topic e vendendo le meraviglie che possedete, per chi parlando di audio non ci capisce una mazza, cosa consigliereste di acquistare con l'intenzione di fare un impianto audio degno di questo nome?

 :set2010039:

Online stefano_R

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 502
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #43 il: Marzo 07, 2019, 14:34:01 pm »
...apri un tema che potrebbe non raggiungere mai una fine....... assolutamente soggettivo ed opinabile in ogni argomento...
Io a prescindere partirei con del vintage.... amplificatore, giradischi, casse e lettore Cd.... poi da lì ci si può aggiungere il mondo...
Problema iniziale definire un budget, poi valutare l'ambiente d'ascolto in cui va inserito, poi i gusti musicali....poi tutto il resto.
Ti consiglio il sito  www.audiocostruzioni.com, il paese dei balocchi degli audiofili....ed è a Carpi.....

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 9036
  • Sesso: Maschio
Re:I giochi di un uomo Hi Fi
« Risposta #44 il: Marzo 07, 2019, 16:48:14 pm »
Davvero difficile dare consigli; concordo che potrebbe essere saggio rivolgersi al mercato dell'usato, anche perché su molti componenti si è aperta una forbice pazzesca che separa la "robetta" dalle cose ultra specialistiche, ed in mezzo non c'è quasi nulla.
Per dei buoni diffusori cercherei tra le marche inglesi, che secondo me garantiscono sempre un ottimo rapporto qualità/prezzo; non è naturalmente un assoluto: ci sono ottimi prodotti sia italiani che americani, mentre diffiderei abbastanza di giapponesi e tedeschi, evidentemente vocati ad altri timpani.
Come amplificatori sono piuttosto interessanti alcune proposte di valvolari reperibili su Amazon: roba fatta in Cina, ma realizzata molto bene su schemi americani o europei e per altro le circuiti dei valvolari sono sempre piuttosto semplici.
Mai e dico mai ho sentito un amplificatore a valvole suonare male. Autocostruiti inclusi. Il rovescio della medaglia che per i primi 45 - 60 minuti il suono non fa che migliorare... non che da freddi suonino male, ma se uno vuole sentire un paio di canzoni soltanto non se li gode appieno.
Se ci si contenta del CD basta un lettore e si è a posto e quelli mi sentirei di affermare che per fasce di prezzo si equivalgono abbastanza.
Se vuoi il giradischi il discorso si complica non poco. Non tanto per l'apparecchio in se stesso, ma per l'interfaccia con l'ampli: il segnale proveniente dalla testina è molto più basso di quello del lettore cd e necessita di una pre - preamplificazione.
Un tempo questo circuito era compreso negli amplificatori, dotati tutti di un ingresso "phono", ma da più di vent'anni a questa parte gli ampli non ne sono più provvisti a seguito della diffusione dei cd.
Il mercato propone svariati tipi di pre-pre, noti come preamplificatori RIAA, ma fino a poco tempo fa anche in questo caso c'era una forbice assurda.
Qui va specificato che un cd non suonerà mai come un vinile, ma mentre per avere un buon ascolto cd bastano poche centinaia di euro, per avere l'ottimo dal disco ci vuole roba di qualità molto elevata, che logicamente costa anche piuttosto cara. Se non si sottostà a questo, non vale la pena: meglio ascoltare i cd e godersene la praticità che obiettivamente è infinitamente superiore.
Anche qui la soluzione potrebbe arrivare dalla Cina, sempre tramite Amazon od altri canali: ci sono diversi amplificatori RIAA a valvole a costi abbordabilissimi (intorno ai 50 euro).
Per il momento penso di averti abbastanza strapazzato il cervello e la pazienza, e mi fermo qui, lieto di tornare insieme agli altri amici sull'argomento, magari quando hai individuato qualcosa. 

Tags:
 

       
Twittear