Autore Topic: F.I.L.A. - La Storia della Tratto Pen ed il Compasso d'Oro  (Letto 1516 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11561
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
F.I.L.A. - La Storia della Tratto Pen ed il Compasso d'Oro
« il: Marzo 14, 2010, 16:02:24 pm »
Informazioni estratte dal sito web Fila.it

http://www.fila.it/i-marchi/tratto/la-storia/dal-progetto-alla-linea.aspx

F.I.L.A. nacque a Firenze alla fine degli anni '20, voluta e creata da due nobili famiglie fiorentine che ne caratterizzarono i prodotti con lo storico giglio di Firenze, stilizzato. Una storia iniziata con la produzione di pastelli e con una straordinaria campagna pubblicitaria affidata a Severino Puzzati, in arte Seppo, un nome allora di grande importanza: trasferitosi dall'Italia a Parigi, individuò con grande lungimiranza l'importanza del prodotto e lo portò in prima pagina nelle sue cartelle di comunicazione. Una storia che continuò nel tempo: dopo la seconda guerra mondiale F.I.L.A. conobbe una nuova vita, si trasferì, in parte, nel capoluogo lombardo e, attraverso la famiglia Candela, conobbe una nuova stagione.

Negli anni '60, F.I.L.A. aveva uno stabilimento a Firenze, dove produceva e produce tuttora la linea Giotto dedicata ai prodotti per scuola, e uno stabilimento a Milano, Lyra, per la produzione di strumenti per scrittura: una sorta di know how sulla plastica, sull'iniezione della plastica, sulla formulazione degli inchiostri. Erano gli albori delle penne a sfera cui, alla fine degli anni '60, fecero seguito i pennarelli. Il cammino è stato lungo ma ha permesso di produrre una gamma di prodotti allargata: dai prodotti per modellare alla linea Pongo, dai gessi della società francese Omniacolor, acquisita nel 2000, all'entrata sul mercato americano con l'acquisto di una grossa azienda, la Dixon, riconosciuta come icona nel mondo della scrittura per la sua matita, gialla con il gommino sulla parte posteriore, tuttora leader di mercato.

Tra i motivi che portarono alla creazione di Tratto Pen, uno fu la nuova struttura che F.I.L.A. si diede nel 1973; un ufficio commerciale per coordinare un ufficio vendite e un ufficio marketing. Proprio quest'ultimo, lo stesso anno, ricevette il compito di studiare un nuovo modello di penna per potervi inserire una punta, proveniente dal Giappone, ritenuta assolutamente innovativa in termini prestazionali. Per realizzare il progetto fu contattato Design Group Italia, un ufficio di design fondato da Marco Del Corno, specializzato nel proporre forme nuove con caratteristiche di classicità. Forme che noi adottammo subito con piacere

1979. Tratto Pen vince il Compasso D'oro

Il premio Compasso d'Oro, nato nel 1954 da un'idea do Gio Ponti, è il primo e il più autorevole premio europeo del settore. Il premio, un compasso dorato di proporzioni auree disegnato da Abe Steiner, ha lo scopo di mettere in valore la qualità del design italiano. Inizialmente voluto dai grandi magazzini La Rinascente, dal 1964 è gestito esclusivamente dall'ADI, Associazione per il Disegno Industriale.



Tags:
 

       
Twittear