Autore Topic: Omas e la resina di cotone  (Letto 177 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Omas e la resina di cotone
« il: Gennaio 09, 2023, 16:37:38 pm »
Dopo una lunga pausa presa per le vacanze natalizie eccomi di ritorno e con l'occasione apro nella sezione dedicata alla cristallizzazione questo topic che ha come protagonista la famosa resina di cotone ( detta anche resina vegetale di cotone), che Omas ha tanto sponsorizzato almeno dai primi anni '80 fino alla sua chiusura avvenuta se ben ricordo nel 2018.
Conosciuta nel mondo anglosassone semplicemente come cotton resin, mi sono sempre chiesto da dove arrivasse questo materiale che nel mondo del collezionismo, era conosciuto più per i suoi difetti che per i suoi pregi. Senza rivangare troppo il passato e i post chilometrici scritti su pennamania e non solo, ricordiamo brevemente che tra i difetti più conosciuti di questo materiale possiamo citare: igroscopicità, instabilità, deformabilità, cristallizzazione etc... Fin qui non sembrerebbe nulla di particolare se non fosse che durante le tanto attese vacanze estive, in un momento di relax ho speso qualche minuto su youtube che con la complicità del suo algoritmo mi propone questo video:

https://www.youtube.com/watch?v=-dieDZJbBhs

In cui il brand IVI (che personalmente non conosco) e che produce occhiali, mostra come la Mazzucchelli produce blocchi e fogli di acetato e che per farlo parte da fiocchi di cotone!

Ora siccome personalmente non credo al caso e citando la famosa frase di Einstein Dio non gioca a dadi, ecco che ho iniziato a collegare i puntini... e se la famosa cotton resin di Omas altro non fosse che acetato?

Dopotutto la resina di cotone di Omas è sensibile, anzi fonde  a contatto con  l''acetato di etile e acetone esattamente come l'acetato e come la celluloide.

Prove certe che la resina di cotone sia del comune acetato non ne ho però gli indizi sono secondo me tanti e quindi inizio a pensare che la Omas con la famigerata resina di cotone abbia detto una grandissima fandonia per non dire che usava il comune acetato.

Per concludere un secondo video che mi ha proposto l'algoritmo di youtube:

https://www.youtube.com/watch?v=n2B6EC75sOo

E voi cosa ne pensate?



Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re:Omas e la resina di cotone
« Risposta #1 il: Gennaio 14, 2023, 18:36:19 pm »
Aggiornamento,

Nei giorni scorsi, ho scritto alla Mazzucchelli per avere informazioni sulla resina di cotone di Omas e altre curiosità e ieri mattina mi hanno risposto chiamandomi direttamente al telefono. Una telefonata molto cordiale e ricca di informazioni che posso riassumere in questi punti.

. Omas era cliente di Mazzucchelli.

. Si, la resina di cotone di Omas altro non è che acetato di cellulosa.

. La Mazzucchelli non produce più celluloide (nitrato di cellulosa) su territorio italiano dal 2006 / 2010 quella che fa, la realizza una consociata cinese a Shanghai.

. In aggiunta a questo, la Omas sotto il nome di resina di cotone potrebbe avere usato anche il propionato di cellulosa che può considerarsi il parente meno pregiato dell'acetato di cellulosa.

Con questo direi che il capitolo resina di cotone di Omas può considerarsi non solo un "mistero risolto" ma anche un capitolo chiuso.

Ora però sorge una nuova domanda, visti i trascorsi di altri brand come Visconti con le varie Ragtime, Voyager etc... e i problemi della Delta con penne come la Pompei etc.. e che sono del tutto assimilabili a quelli della resina di cotone di Omas, siamo certi che questi brand, abbiano usato della celluloide (nitrato di cellulosa) ? E se invece come Omas avessero usato dell'acetato spacciandolo per celluloide?

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Karma: +3/-0
  • Sesso: Maschio
Re:Omas e la resina di cotone
« Risposta #2 il: Gennaio 14, 2023, 20:45:43 pm »
Ricordo che al lancio della Voyager, che indubbiamente era una gran bella penna, proposta nei colori Corallo e Lapislazzuli, la Visconti racconto di avere utilizzato barre di celluloide d'epoca reperite chissà come e dove. Se fosse stato vero sarebbe stato difficile immaginare qualcosa di più stabile di una celluloide stagionata per svariate decine di anni. Ciò che invece è accaduto è stata la moria generalizzata di quella serie di penne. Le bugie hanno le gambe corte, ma chi è restato brutalmente fregato sono stati gli acquirenti che all'epoca hanno sborsato una somma decisamente alta per poi trovarsi una manciata di briciole.

Online turin-pens

  • 100.831 fotografie in archivio. Traguardo 100.000 ABBATTUTO
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *****
  • Karma: +4/-0
  • Sesso: Maschio
  • Traguardo 200.000 ormai prossimo
Re:Omas e la resina di cotone
« Risposta #3 il: Gennaio 15, 2023, 12:50:10 pm »
A complemento di tutto, inserisco questo link allo shop della mazzucchelli al quale si può acquistare la confezione monocolor con circa 300 fiches tra le quali si possono distinguere quasi tutti i colori che Omas ha utilizzato per le penne in tinta unita che ha realizzato dagli anni '80 in poi.

https://www.mazzucchelli1849.it/products/monocolor-case

Tags:
 

       
Twittear