Autore Topic: Catalogo Parker-Webber 1923  (Letto 1249 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online maxpen2012

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 856
  • Sesso: Maschio
Catalogo Parker-Webber 1923
« il: Agosto 14, 2014, 21:52:08 pm »
Sfidando i frizzi e i lazzi di Mr.P ecco che metto un'altra quisquilia cartacea...
Si tratta di un catalogo dell'Ing E. Webber del maggio 1923, forse il primo
dopo aver ottenuto l'esclusiva Parker per l'Italia...
È un grande foglio piegato in due, quindi di quattro facciate, in cui sono illustrate diverse
penne e matite Parker, comprese le prime Duofold (che però se non erro sono del '21)
quelle in ebanite rossa o nera senza anelli al cappuccio, oggi parecchio rare e
ricercate anche in U.S.A ...Vi sono anche inchiostri e clips addizionali originali...
Gli unici articoli non Parker sono due calamai da viaggio Astoria, a conferma dei rapporti
commerciali del Webber con quella ditta tedesca, cui accennava anche Pedewall
tempo fa...(per il secondo, quello col logo Astoria sul tappo, vi sono collezionisti
che sarebbero pronti ad uccidere)...
Le foto sono un pò sbilenche, ma come forse avrete giá notato non sono Helmut Newton
nè Gianni Berengo Gardin...




Online pedewall

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 1397
  • Sesso: Maschio
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #1 il: Agosto 14, 2014, 22:27:20 pm »

Grazie Max per aver condiviso questo importante reperto storico che conferma una data certa della rappresentanza Webber della Parker; Webber aveva sicuramente quindi la possibilità e l'autonomia di realizzare i ricambi.

Offline f.hawks

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 2981
  • Sesso: Maschio
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #2 il: Agosto 15, 2014, 12:09:46 pm »
Grazie Max..... e non ti curar di quell'essere...... sta finendo il trimestre di vacanze ed è sempre intrattabile al pensiero che deve tornare a lavorare quelle due/tre ore al giorno fino al 1 novembre quando inizierà le vacanze natalizie...... :set2010028:

Questa so già che la pago... o se la pago...... ma la verità non va taciuta !!!!



Offline Massimo

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1623
  • Sesso: Maschio
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #3 il: Settembre 04, 2014, 15:44:57 pm »
Max grazie per averci mostrato quest' importante documento.
 :set2010001:

Offline LetiziaJac

  • Top Expert
  • Sr. Member
  • **********
  • Post: 353
  • Sesso: Femmina
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #4 il: Settembre 14, 2014, 18:22:19 pm »
"Modello Safety... a riempimento automatico/riempimento comune"?
Lascerebbe intendere che ci fossero anche dalle rientranti (????) Parker, accanto alla serie delle Jack Knife e delle Duofold a pulsante..
Che il termine Safety da noi fosse usato per indicare una penna "sicura", oramai lo abbiamo assimilato e sappiamo che non tutte le safety in Italia sono rientranti, ma sono safety anche le penne a pulsante. Però questa distinzione tra riempimento comune e riempimento automatico mi dà da pensare....

Offline Parcival

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1699
  • Sesso: Maschio
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #5 il: Settembre 14, 2014, 19:15:21 pm »
 :set2010001: :set2010090:

Online Giuseppe Tubi

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 8491
  • Sesso: Maschio
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #6 il: Settembre 14, 2014, 19:16:33 pm »
Forse "safety" era alla fin fine un argomento per vendere: "questa è più safety di quella"; non per niente la pubblicità evidenzia il fatto che la penna può essere trasportata in qualsiasi posizione.
Il "riempimento comune" potrebbe forse essere spiegato dal sussistere ancora a catalogo delle Parker "fisse" con carica a contagocce?

Online pedewall

  • Top Expert
  • Hero Member
  • **********
  • Post: 1397
  • Sesso: Maschio
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #7 il: Settembre 14, 2014, 21:48:58 pm »
Due pillole di storia della stilografica USA

Safety
L’ing. Eberstein (futuro fondatore della Rouge e Noir) nei primi 900 lavorava a Boston nella Boston Fountain Pen Co. dei Brandt, società di successo che dovette ben presto confrontarsi con le innovazioni degli altri produttori (Moore), le cui penne safety avevano catalizzato il mercato e sembravano dominarlo: tutti volevano le penne “di sicurezza” che non perdevano l’inchiostro.
Eberstein inventò  nel 1904, un sistema di sicurezza che modificò il mondo delle stilografiche.   
L'idea era estremamente ingegnosa nella sua semplicità: prevedeva che all’interno del cappuccio ne venisse inserito un altro, nella cui parte interna avrebbe trovato alloggio il pennino, mentre la parte terminale dello stesso combaciava con l’estremità della penna che vi veniva inserita. L’utilizzo di questo semplice sistema che impediva le perdite di inchiostro - che in ogni caso si sarebbero fermate entro il cappuccio interno - venne esteso a tutte le penne prodotte dalla Boston Fountain Pen Co. ed ebbe un enorme successo, tale che la Boston F.P. Co. variò la denominazione in Boston Safety Pen Co.
Il sistema del cappuccio interno (inner cap) venne adottato da tutti i produttori di penne (Parker compresa con la sua Jack Knife Safety sul finire degli anni 10) e, debitamente modificato, viene utilizzato ancora oggi.

In Italia, considerata la notevole diffusione, il termine safety veniva comunemente utilizzato per  identificare la stilografica rientrante, ma l’originario significato era quello di penna di sicurezza, che non sgocciola.

Riempimento automatico
Inizialmente tutte le stilografiche utilizzavano il corpo penna come serbatoio che veniva riempito col contagocce (eyedropper), cosa poco pratica se non si aveva a disposizione un piano su cui poggiare l’inchiostro, la pipetta ed uno straccio per ripulire le gocce, poi faceva perdere tempo ed era operazione quasi impossibile da eseguire in viaggio.
Il mercato lo avrebbe governato chi per prima avesse presentato un sistema di riempimento automatico.
Si ha in ordine a partire dal 1900-04 (con buona pace di quelli che mi posso dimenticare)  il sistema con la mezzaluna della Conklin, il twist filler della A.A. Waterman su brevetto Stone, la Crocker col suo blow filler, la Parker presenta il self filling (sacco di gomma riempito dalla pressione di una barra a cui si accedeva da una richiudibile apertura laterale), la Faber ed altri.
Il mercato decretò che il migliore fosse il twist filler della A.A. Waterman; sistema abbastanza semplice basato sulla torsione di un sacchetto di gomma interno ottenuto con una rotella terminale.
L.E. Waterman presenta la sua penna di sicurezza col pennino rientrante (su licenza Caws pen co. e brevetto Houston pen), intorno al 1910, sistema abbastanza simile a quello di sicurezza della Moore (lineare questo a spirale quello della Waterman) e negli stessi anni la Eagle Pencil Co. produce il primo sistema di riempimento a pulsante che in seguito venne utilizzato da tanti, compreso Parker dal 1914.
Negli anni 20,  avere una penna di sicurezza (safety) e con il sistema di riempimento automatico, era il massimo. 

Ecco perché nel catalogo Parker viene ben messo in evidenza che la sua è una penna di sicurezza con un sistema di riempimento automatico (a pulsante).

Offline Wallygator

  • Special Guest
  • Hero Member
  • *********
  • Post: 5043
  • Sesso: Maschio
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #8 il: Settembre 14, 2014, 23:14:56 pm »
P..E. SEI UN GRANDE!!! :set2010090: :set2010090: :set2010083:

Offline Marlowe

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1504
  • Sesso: Maschio
  • My favourite things (John Coltrane)
Re:Catalogo Parker-Webber 1923
« Risposta #9 il: Settembre 15, 2014, 09:13:29 am »
C'è sempre da imparare, e molto.

Tags:
 

       
Twittear